Come trovare partner commerciali esteri per la tua azienda?

selesexport

Instaurare buone relazioni commerciali all’estero è fondamentale per la crescita delle PMI italiane ma rimane un processo delicato e talvolta complicato per la singola azienda. La ricerca di partner commerciali, come ad esempio clienti o distributori dei prodotti, non sempre è facile per vari motivi: barriere linguistiche, differenze culturali, scarsa conoscenza legale, difficoltà a conoscere l’affidabilità del partner estero, ecc.

Alle PMI si affiancano vari consulenti e società privata, tuttavia esistono anche istituzioni ed enti pubblici, italiani o europei, che possono essere molto utili specie nella fase iniziale di raccolta di informazioni e primi contatti. Vediamone alcuni:

Camere di Commercio Italiane all’Estero (http://www.assocamerestero.it): Le CCIE sono associazioni di imprenditori e di professionisti, italiani e locali, riconosciute dal Governo italiano nate e sviluppatesi tradizionalmente nei luoghi di maggiore presenza italiana nel mondo. Le CCIE realizzano iniziative volte ad agevolare l’accesso delle imprese italiane ai mercati esteri, promuovendo contatti per la conclusione di affari e svolgendo un’intensa azione di informazione e comunicazione, mediante un costante monitoraggio delle tendenze settoriali;

Globus (http://www.globus.camcom.it): Globus è la piattaforma multiterritoriale delle Camere di Commercio d’Italia a supporto dei processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese. Fornisce informazioni su finanziamenti, eventi e missioni estere e iniziative camerali per l’estero;

Schede Export (www.schedeexport.it): Informazioni aggiornate su documenti, procedure e formalità per esportare le merci in 160 Paesi del mondo. “Schede paese Export” è di facile consultazione: basta selezionare un paese dall’elenco predisposto per visualizzare le informazioni relative a dati generali del paese, documenti e formalità per esportare e indirizzi utili;

World Pass (http://www.worldpass.camcom.it/): Lo sportello informative delle Camere di Commercio per l’internazionalizzazione. Potrai informarti sul Paese che ti interessa, controllare quali sono i documenti necessari, guardare le opportunità e le iniziative valide per i paese esteri; Erasmus for young entrepreneurs (http://www.erasmus-entrepreneurs.eu/):

Erasmus per Giovani Imprenditori è un programma di scambi finanziato dalla Commissione Europea. Il programma dà l’opportunità di fare esperienze d’impresa in aziende di altri Paesi europei, stimolando l’internazionalizzazione delle start-up e la creazione di PMI grazie al trasferimento di conoscenze tra realtà nuove o aspiranti tali e realtà già consolidate;

ESINET Network (http://www.esinet.eu/): ESINET Network assiste le start-up europee del settore delle tecnologie spaziali (GMES, ecc.) a trovare contatti, ad accedere ad esperti ecc. Europe Enterprise Network (http://www.enterprise-europe-network.ec.europa.eu/index_en.htm):

Europe Enterprise Network aiuta le PMI europee a cercare partner commerciali, tecnologici e di ricerca all’estero.

ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (http://www.ice.gov.it/): L’Agenzia ha il compito di sviluppare, agevolare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l’estero, con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti. L’ICE opera al fine di sviluppare l’internazionalizzazione delle imprese italiane, nonché la commercializzazione dei beni e servizi italiani nei mercati internazionali, e di promuovere l’immagine del prodotto italiano nel mondo.

Agenzia delle Dogane (http://www.agenziadogane.gov.it): Informazioni e controlli sulle tariffe doganali;

Simest (http://www.simest.it): supporta gli imprenditori Italiani ad espandersi su nuovi mercati. E’ una società per azioni controllata dal Novembre 2012 da Cassa Depositi e Prestiti con una presenza azionaria privata (banche e sistema imprenditoriale). Fornisce assistenza alle imprese italiane nel processo di internazionalizzazione e  può acquisire partecipazioni nelle imprese all’estero fino al 49% del capitale sociale.

Esistono poi sportelli ed iniziative locali, come ad esempio quelle sviluppate dalle CCIAA locali. -

About these ads

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s